Presidente Napolitano perché non nominare Gualtiero Marchesi senatore a vita?

GualtieroMarchesi

Una proposta per dare lustro alla figura del cuoco in Italia e celebrare un grande maestro

L’idea l’ho già espressa, su Lemillebolleblog, oggi, reduce da una splendida serata, lunedì, dedicata alla celebrazione di due giovani ottantenni. Se è giusto eleggere senatori a vita personaggi che hanno illustrato l’arte e la cultura italiana come Renzo Piano e Claudio Abbado o uno scienziato come Carlo Rubbia, sarebbe, è, altrettanto giusto, per quello che hanno fatto per il made in Italy in campo enogastronomico, attribuire questo ambito riconoscimento anche a personaggi come Franco Ziliani, “l’inventore” della Franciacorta e al più grande cuoco italiano dei tempi moderni e di oggi, Gualtiero Marchesi.

E sono felice di sapere e rilanciare che questa brillante idea di proporre al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano di riconoscere a Gualtiero Marchesi una onorificenza civile al merito, “per il suo ruolo di ambasciatore della migliore italianità nel mondo che ha promosso di fatto prodotti e territorio in maniera esemplare, a tutto vantaggio del sistema produttivo, sociale ed economico della Franciacorta e, più in generale, dell’Italia intera”, l’hanno avuta, e la presenteranno martedì 10 dicembre, alcuni tra i suoi più brillanti allievi, da Vittorio Fusari a Philippe Léveillé, nonché il Consorzio Franciacorta e la Condotta Slow Food Oglio Franciacorta Lago d’Iseo.

Sarà “una serata speciale per celebrare una persona speciale che, con la sua passione, la sua professionalità e l’innata creatività, è riuscita a fare della Franciacorta una vera e propria meta per quanti amano la cultura dell’eccellenza enogastronomica”.

E così in occasione del ‘Terra Madre Day’ – evento nel quale Slow Food promuove il cibo locale, le produzioni e i metodi di consumo sostenibili presso le proprie comunità, dando visibilità a progetti per salvaguardare la biodiversità alimentare si assegnerà un riconoscimento a:

Gualtiero Marchesi

“per la sua Storia, per la sua Carriera, per essere stato il primo a dare dignità ed onore internazionali al mestiere di Cuoco d’Italia, facendo della Franciacorta un punto di riferimento della bellezza e del buon gusto”. 

LA NOTTE DEL MAESTRO

Durante la serata di gala, prevista per martedì 10 dicembre 2013, alle ore 20.00 presso il Relais Franciacorta, in Via Manzoni 29 – Colombaro di Corte Franca (BS), gli chef del territorio: VITTORIO FUSARI (Dispensa Pani e Vini), STEFANO CERVENI (Ristorante Le Due Colombe), MAURIZIO ROSSI (Osteria La Villetta), PHILIPPE LÉVEILLÉ (Ristorante Miramonti l’Altro), MICHELE VALOTTI (Trattoria La Madia) GIOVANNI CAVALLERI (Pasticceria Roberto) realizzeranno una cena esclusiva interpretando i prodotti locali.

Durante l’evento verranno consegnate le firme raccolte per proporre al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano di riconoscere a Gualtiero Marchesi una onorificenza civile al merito, per il suo ruolo di ambasciatore della migliore italianità nel mondo che ha promosso di fatto prodotti e territorio in maniera esemplare, a tutto vantaggio del sistema produttivo, sociale ed economico della Franciacorta e, più in generale, dell’Italia intera.

Tutti coloro che intendono sottoscrivere questo nobile appello e pensano che Gualtiero Marchesi meriti ogni più alto riconoscimento da parte dello Stato Italiano (così come in Francia avviene normalmente (ricordiamo il caso di Paul Bocuse, Décoré de la Légion d’Honneur en 1975 par le Président de la République Monsieur Valéry Giscard d’Estaing, au palais de l’Elysée), e che la figura moderna del grande cuoco meriti di essere considerata dal Quirinale al pari di quella di un grande architetto, musicista, letterato, poeta, scienziato, sculture o pittore, o capitano d’industria, possono inviare la loro adesione a questo indirizzo di posta elettronica, enoteca@dispensafranciacorta.com e in copia anche al sottoscritto a redazione@vinoalvino.org.
Si garantisce che i dati personali (nome e cognome, data e luogo di nascita) saranno utilizzati esclusivamente per questo scopo.
Gobillard-Rotary 008

Gualtiero Marchesi senatore a vita, sarebbe un modo splendido (anche se forse impossibile, visto che Napolitano 4 senatori a vita li ha già nominati) di mostrare un volto intelligente e colto, attento alla causa del made in Italy e dell’agroalimentare italiano di qualità, della politica italiana. Anche in una giornata dove la politica, comunque la si giudichi, non volerà certo alto, come oggi…

______________________________________________________________________

Attenzione!: non dimenticate di leggere anche Lemillebolleblog
http://www.lemillebolleblog.it/

13 pensieri su “Presidente Napolitano perché non nominare Gualtiero Marchesi senatore a vita?

  1. Napolitano non può, ha appena nominato 4 senatori a vita e ha esaurito il numero per lui possibile di nomine.
    Grande festa a Gualtiero ma fare una proposta che si sa già inapplicabile mi sembra un modo poco produttivo.

  2. La consuetudine di nominare senatori a vita e’ una truffa alla democrazia, tutto legale si intende. Si e’ rivelato un atto politico in mano a chi non deve fare politica, quindi e’ uno sconcio che andrebbe abolito.
    Sono sicuro che il Grande Marchesi non ha bisogno di quelle onorificenze della repubblica che lo possano accomunare ai numerosi tristi figuri beneficati in questi ultimi sette anni.

  3. Giusto dare un riconoscimento a persone che hanno portato lustro all’Italia e che sono i più grandi ambasciatori nel mondo, ma con tutta la stima che ho per Gualtiero Marchesi, pensare che posso partecipare a votazioni che possono cambiare il corso della storia, come quella di stasera, é inquietante. Oggi Renzo Piano ha fatto la sua prima seduta.

    • Mi permetto di far notare che la votazione di questa sera e’ una inezia ( finalmente la farsa e’ finita) che non ha cambiato ne cambiera’ il corso della Storia. In Italia le votazioni non hanno mai cambiato sostanzialmente nulla.

  4. A parer mio è più inquietante pensare che la Camera dei Deputati abbia sancito che Ruby Rubacuori fosse la nipotina (Amici Miei Docet) di Mubarak.

  5. Poi però non lamentatevi se tra qualche anno ci sarà Roberto Baggio a decidere sulle vostre pensioni. Comunque questo non mi sembra il posto per una discussione politica e volevo solo far capire che secondo me fare senatore a vita Marchesi è sbagliato…sbagliato per tutti, non solo per lui, ci mancherebbe 🙂

      • Perché nominare senatore a vita un cittadino che si é distinto per altissimi meriti in vari settori non é, a mio parere, il modo giusto di rendere onore al lavoro di una persona. Non é giusto perché va a inserirsi in un contesto, quello politico, già poco credibile e lascia sempre spazio ad ampi spazi di critiche proprio per l’elevata importanza del ruolo di senatore.
        Detto questo, sottolineo il fatto che una persona degna di essere nominato senatore a vita ha bene o male già raggiunto una situazione economica felice e meritata, eviterei ulteriori esborsi.
        Credo che i migliori riconoscimenti sono quelli che durano per sempre, oltre la nostra nostra vita terrena, e penso che se si proponesse a Renzo Piano di riconpensarlo attribuendogli il nome di una via o piazza, o ancor meglio legare il suo paese natale alla sua persona, ne sarebbe ben più felice.
        Non so di che paese sia Marchesi ma immaginare che sotto il nome del suo paese compaia anche il suo, come a sotto il monte, sia un giusto e infinito riconoscimento.
        Per concludere dico che non ho nulla contro questi personaggi, anche perché l’eventuale colpa può essere di tutti ma di certo non loro, perché oggi é piano e marchesi, domani può essere Baggio, Vasco o peggio ancora Balotelli (anche se sono milanista).

        • fabry, sicuro di avere scritto questo commento da sobrio? Perché solo un’assenza di lucidità può far mettere Marchesi e Renzo Piano sullo stesso… piano di Baggio, Vasco Rossi o del terzo personaggio che lei (bilanista) cita…

          • hahahahha sto cercando di rigar dritto in questo periodo e anche da ubriaco fradicio non mi sognerei mai di mettere certi personaggi sullo stesso piano.
            Ma proprio perchè non tocca a me decidere e proprio perchè non mi fido della lucidità di chi spesso deve decidere eviterei di lasciare aperto quello spiraglio.
            D’altronde stiamo pagando ancora cicciolina, cecchi gori e matarrese che grazie a Dio non possono votare, ma bisogna anche guardare al futuro, magari Balotelli sarà quello che la manda in pensione tre anni dopo 🙂
            Bilanista??? Continui a parlare di vini che è una cosa che le riesce particolarmente bene 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *