Campi Flegrei Falanghina 2012 Cantine Farro

FotoCucchiaio-ottobre2013 027

Singolare il destino di un vitigno tutt’altro che minore come la Falanghina. Presente nella storia della viticoltura antica, al punto che pare dovesse costituire la base del mitico vino Falerno, in epoca più moderna ha rischiato di essere abbandonato a favore di vitigni più produttivi e dotati di un’immagine più rilevante, salvo poi essere recuperato, anche grazie al fatto che si trattava di una varietà non attaccata dalla fillossera, che poteva dunque essere allevata su piede franco.

E dopo il recupero, primi anni Settanta, in gran parte per merito dell’ingegner Leonardo Mustilli, nel beneventano, nello splendido borgo di Sant’Agata de’Goti, la Falanghina si è così diffusa in terra campana, da rischiare quasi ad un certo punto di diventare una sorta di Chardonnay di quella regione.

Oggi questa varietà dalla produzione media e costante, dotata di una buona tolleranza alle varie malattie, dal grappolo di medie dimensioni, la troviamo difatti ampiamente diffusa non solo in provincia di Benevento, nelle varie Doc, ma nel casertano, nella penisola sorrentina, a Capri, in area vesuviana, e nell’area dei Campi Flegrei, in provincia di Napoli. Stiamo parlando di quella vasta area di origine vulcanica situata a nord ovest della città dove sono presenti situazioni di bradisismo e manifestazioni gassose effusive. E difatti il termine Flegrei, che deriva dal greco flègo, significa brucio, oppure ardo.

Io amo molto la Falanghina di Sant’Agata de’Goti – a proposito: il nome del vitigno sembra derivare dal fatto che questa varietà di vite ha portamento espanso, e tradizionalmente veniva legata a pali di sostegno detti “falanga”, da cui Falanghina,  ossia “vite sorretta da pali” o legata al palo – e trovo interessanti le espressioni che quest’uva delicata riesce ad avere in altre zone, fuori dalla Campania la troviamo anche in Puglia, Abruzzo, Lazio, Molise, Sardegna, ma per il mio gusto Falanghina è sinonimo di Campi Flegrei perché è proprio in questa area, a causa dei terreni vulcanici che riesce ad esprimere tutta la sua eleganza, la sapidità, il nerbo, che lo rendono splendido vino da pesce, da pizza, e da abbinamento all’intera gamma degli antipasti.

Ho già scritto la scorsa estate della Falanghina dei Campi Flegrei della Cantina La Sibilla, e mi piace oggi segnalarvi, ancora in splendida forma a 2014 inoltrato la Falanghina di un’altra azienda di riferimento dell’area flegrea, Cantine Farro guidata da Michele Farro Presidente Consorzio di tutela vini Campi Flegrei, produttore anche di un validissimo Piedirosso, di un interessante rosato sempre da uve Piedirosso, denominato De Pié e di una selezione di Falanghina, il Cru Le Cigliate, che prende il nome da uve selezionate e provenienti dai cigli dei vulcani flegrei.
FotoCucchiaio-ottobre2013 026

L’azienda Farro nasce nel 1926 e Michele Farro ha non solo sviluppato l’azienda, ma dato vita ad un programma di recupero e valorizzazione dei vini dell’area flegrea e della denominazione. Questa Falanghina nasce dalle vigne denominate Cigliano nel Comune di Pozzuoli e Cuma nel Comune di Bacoli, località Monte di Procida ed è vinificata interamente in acciaio.

Colore paglierino luminoso, con leggere sfumature verdognole, si propone subito grazie alla sua tipicità varietale, note intensamente agrumate, di fiori bianchi freschi, nocciola appena raccolta e una nitida vena minerale abbinata in questo caso ad una spiccata nota di frutta gialla ben matura, pesche, pesche noci, a comporre un insieme ricco e molto gradevole.

In bocca si fa notare per una salda struttura, larga e succosa, per una bella ricchezza gustativa e ampiezza e per la freschezza, salata e minerale, sottolineata da un’acidità equilibrata ma presente, da una bella persistenza lunga e piena di sapore. Una Falanghina dei Campi Flegrei la cui bassa gradazione (dodici i gradi dichiarati) favorisce ottimamente la beva.

Cantine Farro
via Virgilio, 20/36
80070
Bacoli (Napoli)
Tel.081 854 55 55081 854 55 55
Email info@cantinefarro.it
sito Internet http://www.cantinefarro.it/inizio.htm

4 pensieri su “Campi Flegrei Falanghina 2012 Cantine Farro

  1. Je viens de le déguster à Naples lors de Campania Stories. Belle expérience, 100 d’accord avec toi.
    En Campi Flegrei, j’ai aussi aimé Astroni, Agnanum et Grotta del Sole.

    Une région à découvrir (si ce n’est déjà fait)

  2. Pingback: La Doc Campi Flegrei s’allarga a Ischia e Capri | Blog di Vino al Vino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *