Emanuele Bottiroli nuovo direttore del Consorzio tutela vini Oltrepò Pavese

Bottiroli

Come avevo previsto, un paio di mesi orsono –  leggete qui – la montagna rappresentata dal Consorzio tutela vini Oltrepò Pavese, e dopo la mancata conferma (eufemismo) di Matteo Marenghi e un lungo periodo di meditazione, ha “partorito il topolino” scegliendo come nuovo direttore quel “brao fieu”, di Emanuele Bottiroli.

Che per chi non lo conoscesse è un attivo “giornalista e copywriter”, come si definisce sul suo sito Internet, dotato di pagina Twitter, direttore di un quotidiano indipendente on line, Segretario della Strada del Vino e dei Sapori dell’Oltrepò Pavese nonché responsabile stampa del Consorzio vini e curatore dell’account Twitter consortile.

Nulla da dire, umanamente, sul simpatico Bottiroli, le cui prime parole d’ordine sono “avanti con senso di responasabilità. Qui c’è molto da fare”, che è sicuramente un oltrepadano innamorato della propria terra e che si dannerà l’anima per cercare di dare una mossa alla situazione. E se le inventerà tutte per sfruttare al meglio l’occasione che gli è capitata e per dimostrare a chi ha avuto fiducia in lui, il CDA del Consorzio, di averci visto giusto.

Ma le stesse cose, anzi, con maggiore vigore, si erano dette e scritte per il piacentino Marenghi, che poi è stato liquidato come si sa…

Pertanto, in attesa di conoscere il programma di Bottiroli e dell’ente consortile non posso che esprimere i migliori auguri di buona fortuna e buon lavoro al “brao fieu”, sperando che abbia lucidità e tenacia, tanta pazienza, qualche idea brillante e soprattutto gli sia consentito di operare senza aspettarsi da lui i miracoli, ma tanta applicazione e tenacia che quelle non gli mancheranno di certo.

p.s.
ecco il testo del comunicato stampa che ufficializza la nomina di Bottiroli a direttore del Consorzio vini Oltrepò Pavese.

“Il Consorzio Tutela Vini Oltrepò Pavese ha affidato la direzione a Emanuele Bottiroli, 34 anni, vogherese, prima Ufficio Stampa e poi Segretario del Consorzio della terza area vitata storica d’Italia. A breve l’insediamento ufficiale. I produttori puntano su un giovane del territorio, giornalista e professionista della comunicazione, da anni impegnato nel raccontare le eccellenze di una terra per molti aspetti ancora troppo in ombra. Ideatore di campagne, copywriter, creatore di siti web, autore di progetti culturali e di marketing territoriale, Emanuele Bottiroli è anche forte di un percorso di crescita nel mondo delle pubbliche relazioni.

Il suo primo passo da direttore è stata una lettera ai produttori che racchiude in sé il senso della svolta che vuole imprimere, chiamando tutti a fare squadra. «Ci sono zone – spiega il neo direttore – che per mettersi in evidenza devono vincere con altri territori, su scenari europei e mondiali. Noi in Oltrepò Pavese dobbiamo vincere ancor prima con noi stessi: cancellare paure, titubanze e dubbi che possono solo renderci più deboli di fronte alle grandi platee internazionali che potrebbero fare la nostra fortuna.
Vogliamo cambiare? Allora cambiamo: restiamo uniti e scriviamo insieme, nella giusta chiave, un capitolo nuovo, partendo dal gridare con orgoglio quello che l’Oltrepò Pavese era e scandendo la strategia, condivisa, di quello che sarà. Abbiamo 13mila 500 ettari a vite, possiamo essere l’oasi del vino, del gusto e del wellness a un’ora da Milano. L’altra sfida si chiama export, con molti vini per target diversi, in prima battuta facendo leva sul tesoretto dei nostri 3mila ettari di Pinot nero e sulla nostra spumantistica».

Sulle prime mosse da fare, Bottiroli non ha dubbi: «Non aspettiamoci miracoli dalla politica, chiediamo invece di essere affiancati su una rotta chiara, nostra, per tutti. Il mio consiglio d’amministrazione avrà un ruolo fondamentale. Dobbiamo mettere nel cassetto le false certezze e ripartire, subito, anche sull’onda dell’occasione offertaci da Expo Milano 2015, da una tavola rotonda. Tutti hanno qualcosa da dire e da fare. Non inventiamoci capri espiatori, alibi o qualcuno a cui gettare la croce addosso. Nel tempo, a turno, ognuno ha sbagliato qualcosa. Ma ciò che è stato è stato, recriminare è inutile. Responsabilizziamoci».

Bottiroli richiama anche il monito del patron di Eataly: «E’ un territorio, il nostro, che come ha detto recentemente Oscar Farinetti a Riccagioia ha la colpa di non “narrarsi” a sufficienza. Succede perché qui ci si ascolta da sempre troppo poco e ognuno va per la sua strada, ogni tanto riuscendo ma più spesso perdendosi. E’ la storia dei mille rivoli che possono e devono confluire in un grande fiume.
La missione è questa: unire. Il futuro di tante imprese e dei nostri giovani talenti dipende da qui. Ricostruiamo partendo dall’orgoglio, quello che deve scaturire dalle nostre radici, dal bello e dal buono che abbiamo da proporre al mondo, quello che ci deriva dalle nostre denominazioni storiche, dall’umiltà operosa della nostra gente. Non siamo tutti uguali, ma le differenze devono arricchirci non metterci contro. Non siamo una sigla, un tavolino o un club… Siamo l’Oltrepò Pavese! Evviva la nostra terra!”.

Un pensiero su “Emanuele Bottiroli nuovo direttore del Consorzio tutela vini Oltrepò Pavese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *