Sorge il sole canta il gallo, Mussolini monta a cavallo

mussolini-spada-islam_324
Riflessione bizzarra a proposito della nuova guida A.I.S. Vitae

Datemi il tempo materiale di prendere “possesso”, ovvero di sfogliarla attentamente, di leggere le (brevi, troppo brevi) righe di presentazioni aziendali della nuova guida dei vini dell’Associazione Italiana Sommelier, denominata Vitae, che all’aspetto esterno e un po’ anche nella grafica ricorda moltissimo (troppo) la precedente guida dell’A.I.S. denominata dapprima Bibenda quindi Duemilavini.

La presentazione, ne parlerò, è stata un successone, con tanta gente del mondo A.I.S. (e che grande gioia abbracciare tanti amici frequentati nel recente passato, segno che non si sono dimenticati di me e del mio lavoro fatto per e con l’Associazione), e un buon numero dei produttori premiati. E’ stata una bella festa dove si potevano assaggiare/bere davvero tanti vini buoni, segno che qualche “sfondone” a parte, che c’è sempre in ogni guida, chi ha selezionato i vini da premiare ha avuto buon palato, sensibilità e intelligenza.
MussolinicavalloIstitutoLuce

Per ora, in attesa di scrivere più diffusamente della guida e della presentazione, voglio cavarmela con una battuta (che tale è e vuole essere, chiaro?). Leggendo una scheda di un produttore (non vi dirò chi sia né di quale regione nemmeno sotto tortura, nemmeno se mi costringete a bere due litri di un vino qualsiasi di Cotarella) mi è venuto in mente un celebre detto di quello spiritaccio di Curzio Malaparte, che diceva “Sorge il sole canta il gallo, Mussolini monta a cavallo”. Cosa c’entra? Procuratevi la guida, leggete attentamente e poi, forse capirete…

_____________________________________________________________________

Attenzione!: non dimenticate di leggere anche Lemillebolleblog
http://www.lemillebolleblog.it/  e il Cucchiaio d’argento!

 

20 pensieri su “Sorge il sole canta il gallo, Mussolini monta a cavallo

  1. Sig. Ziliani, so che fare classifiche è brutto e difficile..ma io mi permetto comunque di chiederlo. Quali sono, secondo lei, le migliore guide enologiche oggi presenti sul mercato italiano? In quanto a completezza di informazioni, selezione dei produttori, aspetto grafico, leggibilità…un giudizio generale, in sostanza.
    Personalmente mi trovo bene con Slow Food e Gambero Rosso…sarei curioso di conoscere il suo parere (ovviamente, a prescindere da simpatia / antipatia per i vari autori). Grazie 1000

    • Io acquisterei una sola guida quella dell’Espresso di cui stimo diversi bravi collaboratori. Delle altre soprattutto quella che lei cita faccio volentieri a meno

      • Le confesso che non mi piace graficamente (o quantomeno, meno delle 2 succitate). Motivazione banale e stupida, me ne rendo conto. Ma tant’è…

      • Ma se e’ ventanni che scrivono le stesse cose, la guida dell’ espresso belle le prime due firmate Masnaghetti, adesso…….. lascia perdere secondo te uno come Z…c..i e’ bravo a ubriacarsi nn a degustare validi collaboratori perche i capi de lespresso nn chiedono in forma anonima ai produttori se son contenti dei loro degustatori fare una classifica dei degustatori e scrivere quello col naso piu rosso bellissima questa guida

        • Nicola, io andrei piano con le accuse ad un collega degustatore che secondo le tue indicazioni é facilmente riconoscibile.
          Concordo anch’io sul fatto che tra i collaboratori di quella guida ce ne siano alcuni decisamente più bravi, o in sintonia con il mio gusto. Cito Pierluigi Gorgoni, tanto per fare un nome, dimenticando il fatto che é un caro amico.

  2. confesso di non aver capito niente di questo post. Del resto non sono nemmeno in possibilità di farlo, non essendo sommelier e non avendo sotto mano la nuova guida AIS.
    Ma vorrei capire a chi e cosa allude

  3. vuole farse dare a Maietta, al presidente dell’A.I.S., del dittatore?
    Se ha critiche precise da fare, parli chiaramente e non si nasconda dietro ad un dito.
    Cosa diavolo vuole dire con questo pseudo articolo dove si scrive addosso?

    • volevo sempre dire che il mondo, non se la prenda, é pieno di deficienti, e solo un deficiente può arrivare a pensare che con quel post io abbia inteso dare a Maietta, del dittatore, o del Mussolini. Primo perché non credo ne abbia la statura o l’animus, secondo perché mi risulta essere stato regolarmente eletto dopo libere elezioni, con più liste concorrenti.
      Terza cosa, quel tono inquisitorio, se lei, come credo, é un sommelier o un capettino A.I.S., se lo riservi per altri: con me non funziona.
      Se poi lei é così tanto scarso da non arrivare a capire che, come ho scritto, trattasi di scherzo, e che non c’era nessuna critica (quelle arriveranno, mi faccia esaminare attentamente la guida e le valutazioni) allora é un problema di deficienza, d’intelligenza e di fantasia, sua.
      E allora spero che nell’A.I.S., Associazione cui ho sempre voluto bene e voglio bene, lei non abbia nessuna carica. Farebbe solo danni

  4. trovo divertente questo post, peccato che non riesca a capire cosa intenda dire. Ho capito che per risolvere il piccolo enigma che lei, divertendosi come un matto, propone, bisogna avere la guida, sfogliarla attentamente e poi capitare sulla pagina dove lei ha pescato l’ispirazione per questa sua metafora del Mussolini che all’alba puntualmente monta a cavallo.
    Non vedo l’ora, come associata AIS, che mi arrivi la guida, per leggerla e provare a capire a chi si riferisca 🙂

  5. non compro guide ma penso che il sole non possa sorgere che in Puglia e che il Cavallo non sia cavalcato ma utilizzato per arare la vigna.

  6. Cantabruna, lo sai che qualcuno se l’é presa con il tuo commento e che lo considera quasi un reato di lesa maestà. Nemmeno scherzare sanno certi personaggi, si prendono troppo sul serio e hanno la pretesa di riconoscersi in ritrattini che magari manco li riguardano… 🙂

    • scusa cantabruna, ma cosa c’entra il cavallo che lavora per quel produttore di Primitivo di Manduria con Mussolini che quando canta il gallo monta a cavallo? Non capisco… E dire che il post l’ho scritto io… 🙂
      p.s. certo che sono bravi quelli di Intravino: capiscono e interpretano il linguaggio degli animali. E dire che si trattava di un cavallo, non di un asino… 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *