Quella paginetta ingiallita…

EnzoSiviero
A proposito de “l’uomo ponte” Enzo Siviero

Dall’amico Alfonso Stefano Gurrera ricevo e, profondamente divertito, con vero piacere, pubblico…
Ovviamente da leggere ascoltando l’ineffabile Bridge over troubled water…, ça va sans dire…
Bridge-poetry

Carissimo Franco, faccio una premessa: a Venezia vive un personaggio singolarissimo, si chiama Enzo Siviero, ed è un docente ordinario di Teoria e Progetto di Ponti presso l’Università IUAV di Venezia e anche vicepresidente e membro del CUN un organismo di ingegneria civile ed architettura. La passione della sua vita: “I ponti” ovviamente. Ma è talmente maniacale, questa passione, che lo hanno definito “l’uomo ponte” e lui si è immedesimato in questo personaggio nella forma più totale.

Così gli è balenata l’idea di farsi scrivere, dagli amici, e poi inviare, una “paginetta” sulla sua persona e sul “marchio” che gli  hanno appioppato, cioè “Uomo ponte”. Le ha raccolte e ne ha fatto un libro che è stato presentato nei giorni scorsi a Catania nella sede dell’”Ordine degli ingegneri”. Noi, dell’azienda Al-Cantara, cioè “Il ponte” (ma io sono “solo” un consulente esterno) siamo, stati convolti e abbiamo partecipato con questo mio racconto, in cui il vino fa la sua apparizione in un modo non proprio fuggevole.

Bridge

L’avevo deposta in un cassetto “a futura memoria” quella massima di cui non conosco più il nome del suo autore. Cosa mi aveva spinto a conservarla? Una reminiscenza scolastica? Una guida morale? Un concetto esistenziale? No, niente di tutto questo, semplicemente: “un destino”.

Una “paginetta” ingiallita, piegata in tre e conciata dal tempo tanto da rendere illeggibili due parole, forse la chiave del suo significato. E inizianti, entrambe, con un “tra…”: “La grandezza dell’uomo è di essere un “ponte” (ecco il destino) non uno scopo: nell’uomo si può amare che egli sia una tra… e un tra…”. Ma quell’ “essere un ponte”, rendeva compiuto il concetto, tale da rivelarsi, oltre un destino, una vera profezia, un “nomen omen” da segnare il resto di una esistenza.
Ponteggiando

Me la sono ritrovata in tasca, quella paginetta, mentre passeggiavo in cantina ascoltando il vino. Che cosa affascinante è il vino quando ti metti ad ascoltarlo! Soprattutto nel momento in cui percepisci il gorgoglio dei suoi fermentini. Che sembra venir da lontano, come l’eco di una storia antica, come la voce fascinosa delle sue parole, come il colore nitido dei miei pensieri.

Qui in questo ambiente, in questo luogo profumato di mosti, tutto racconta un passato lungo quattordici secoli. Storie, parole e pensieri che si accavallano, spalancano prospettive, dispiegano orizzonti, abbattono confini, impongono nuove letture del vivere, creano ponti. Sarà l’effetto di questa valle, e del nome che porta, dove ho la fortuna di possedere un’azienda. Alcàntara è un nome che vuol dire infatti ponte, lo scelsero gli arabi e forse sta tutta qui la chiave del mio destino.
Alcantara

Un destino che si rivela ancor più gravido, e ancor più denso nei suoi significati, dopo aver conosciuto Enzo Siviero. Io, l’azienda Al-cantàra, scritta col trattino, la porto sulle spalle, lui l’Alcàntara, il ponte, ce l’ha nel sangue, nel suo Dna. Così i miei soliloqui di parole e di pensieri si fanno dialogo. E lui, Siviero, diventa il mio virtuale interlocutore. Con i suoi saperi, i suoi luoghi mentali che ora assumono forme fisiche, escono dalla cantina, scendono ancor più a valle. Lì, a pochi metri, incontriamo il fiume Alcàntara dal letto angusto, e dello stesso nome arabo, un fiume stretto e basso di fondale, in certi punti lo si attraversa persino a piedi.
Stoà

Così fantastichiamo entrambi di camminare, a ritroso del tempo, su due sponde, che ora diventano, e si fanno, la nostra Stoà degli antichi Greci. Vedo lui guadagnarsi la sponda destra, e farsi Zenone, io mi apposto sulla sinistra e mi sentirò l’allievo Perseo. Senza apparire troppo un “Cinico” scostante. Un percorso fisico alla ricerca di un’area “pacifica” dove costruire i ponti della nostra esistenza. D’altronde l’avvento della civiltà araba in Sicilia si rivelò come “la più pacifica invasione della storia dell’umanità”. Un “ponte” così definito, molto “cordiale” fra la civiltà orientale e quella occidentale.

Ora con la stessa cordialità vorrei buttare là, nella sponda opposta, in modo leggero, come una rimessa laterale, i miei quesiti esistenziali affinché il mio mentore Siviero le raccogliesse. E sapendolo un vero “uomo-ponte” le raccoglierà a braccia aperte e con quel sottile piacere che lui sempre prova quando c’è di mezzo un ponte, reale o metaforico che sia. Quesiti pertinenti ai problemi di chi produce un vino o vive semplicemente la vita.
galactic-bridge

Ecco il mio primo interrogativo: quale ponte attraversare per conciliare l’umiltà consapevole dell’animo contadino con l’orgoglio di un vignaiolo che sa di trasfondere in un vino il sapere d’un territorio, di una comunità di persone, di una tradizione?

Secondo: quale ponte percorrere per attraversare le ragioni del cuore affinché il pensiero dell’anima li comprenda? E, infine, quale forma progettuale conferire a quel ponte che coniuga “ragione e sentimento” affinché si stemperi il contrasto, e il dissidio, tra le istanze psicologiche e le istanze morali?
panta-rei

Già lo vedo il bravo Enzino col suo procedere peripatetico lungo la riva di “quel fiume che si chiama ponte” con le braccia dietro la schiena e le mani congiunte come il segno di una sicurezza tutta filosofica. Già sento la sua voce accarezzata dal gorgoglio dello scorrere dell’acqua, come un “Pánta rêi” eracliteo del tutto scorre, come le ore del tempo, come il fluire liquido e temporale della vita che ci accompagna fin verso sera, fin verso il crepuscolo. O per meglio dire come una tra…nsizione, come un tra…monto

Oddio, che siano queste le due parole scomparse dalla paginetta ingiallita col motto del mio destino? Confido in un sì. Secco e perentorio da quell’uomo-ponte che qualcuno ancora si ostina a chiamare Enzo Siviero.

Alfonso Stefano Gurrera

_____________________________________________________________________

Attenzione!: non dimenticate di leggere anche Lemillebolleblog
http://www.lemillebolleblog.it/  e il Cucchiaio d’argento!

8 pensieri su “Quella paginetta ingiallita…

  1. Sono molto gratificato da questo scritto che ricalca il mio sentire “ponteggiante” come momento di condivisione all’insegna dello slogan BRIDGING CULTURES AND SHARING HEARTS come via mediterranea verso la fratellanza l’amicizia e la pace tra i popoli essendo le comuni radici profondamente innervate in quel baricentro culturale che è la Sicilia e in particolare AL CANTARA . Non solo vino dunque!! E poi la mia recente pubblicazione IL PONTE UMANO recentemente presentata a Roma il 3/12 e poi a Catania il 12/12 ne è evidente testimonianza. Enzo Siviero

    • Gentilissimo Ingegnere, onorato di ospitare il suo commento e di avere tra i lettori una persona straordinaria come Lei che onora la nostra povera Italia nel mondo.

  2. “Ho cercato di comunicare quello che gli altri non vedono, ad esempio un arcobaleno di profilo”. (Bruno Munari)
    Se per i nostri emisferi cerebrali il disegno è il prolungamento dell’idea, la sinergia della dualità umana è il luogo culturale in cui tensioni emotive e forze dinamiche ridisegnano pagine ingiallite e incidono tarsie di stati coattivi con la finalità di pervenire al divenire di un ponte di valori.

  3. “Ho cercato di comunicare quello che gli altri non vedono, ad esempio un arcobaleno di profilo”. (Bruno Munari)
    Se per i nostri emisferi cerebrali il disegno è il prolungamento dell’idea, la sinergia della dualità umana è il luogo culturale in cui tensioni emotive e forze dinamiche ridisegnano pagine ingiallite e incidono tarsie di stati coattivi con la finalità di pervenire al divenire di un ponte di valori.
    GIACINTO TAIBI

  4. Da tempo non mi capitava più di leggere niente di così semplicemente bello e profondo… ed ecco in me prepotentemente risvegliarsi la, mai sopita, utopia : ” che tanti uomini ponte… tutti insieme…facciano ponte…”
    Ho imparato che il destino… non senza la naturale selezione… prima o poi… e
    solo al momento opportuno, rendono possibile l’incontro…TRA…tali uomini.
    TRA..SOGNO…?
    non è forse il sognatore un uomo con i piedi saldamente attaccati…alle nuvole ?

  5. il Ponte: è la sfida dell’uomo alla Natura, consentendo di tracciare percorsi che la Natura appunto non riesce a realizzare da sola.
    Se per i ponti trattasi di percorsi fisici, per gli uomini-ponte o pontifices trattasi di percorsi mentali atti a cambiare l’atteggiamento della conoscenza.
    Uomini-ponte possiedono un’architettura mentale, sorretta da geometrie sublimi, dei cui teoremi e postulati piene sono ad esempio le composizioni musicali.
    Quando l’architetto possiede nella sua mente una tal geometria, egli diventa ingegnere e artista insieme.
    L’architettura in generale e in particolare quella strutturale diventano espressioni sublimi della mente, caratterizzate dal vero esercizio delle simmetrie ed antisimmetrie, atte a definire veramente il dominio dell’armonia delle forme e dell’essenza delle cose.
    L’arditezza del calcolo strutturale diventa unico seme in grado di creare oggetti che sfidano la Natura, liberando da lacciuoli dell’omologazione culturale il concetto di Essenziale che coniuga la bellezza con l’economia.
    Gurrera da una parte e Siviero dall’altra, sanno bene queste cose..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *