Gugglenalitix che grande cosa! Sono più letto a Canicattì e Boscotrecase che a Stesà

SoleNapule

Ovvero: meglio essere o l’urdm re’cavall che o primm re’ciucc. (Meglio essere l’ultimo tra i cavalli che il primo tra gli asini)

Ehi guagliò, grande cosa stu guggleanalitix! Mi fa scoprire cose che voi comuni mortali nemmeno potete sognare… Co’ tutti ‘sti numeri, ‘sti statistiche o cumme se chiammeno finisco che anch’io, che non sono “un sito amatoriale”, ma nemmeno un “blog commerciale”, anche se penso che “Senza denari nun se cantano messe”, aggio a uscì pazzo!

Mannaggia a me che non tengo, come altri dicono di tenere, “una visione umanistica sull’enogastronomia” (ma non sarebbe meglio scrivere dell’enogastronomia?) e mi devo accontentare della mia visione un po’ disincanta della realtà, oppure, la butto lì per fare fico, una visione olistica (e accà l’olio in cui mi piace tanto fare scarpetta non c’azzecca nulla, lammo ‘a franco)!
NapoliVesuvio

E accussì non essendo acculturato come qualche collega che ha fatto il militare a Cuneo, pardon, é un umanista in toto, e magari ha visitato Mosca e dintorni, quando Mosca era l’Urss dei satrapi rossi non quella dell’oligarca amico dei petrolieri e dei puttanieri, di fronte a questo flusso di numeri, diagrammi, grafici, io che m’incazzo perché vorrei essere “autonomo e non a gettone” come altri dicono di esserlo, e non ci riesco, forse perché mi fa difetto la visione globale e la vista ‘ncopp ‘o Vesuvio, non riesco a vedere il disegno generale. E ignoro se a’ Maronna m’accompagna o no…
NapoliGolfo

E mi limito ai numeri, che a differenza di altri non ostento e mi tengo per me, perché “I’ me chiammo Cannavaccio: nun me ‘ntrico e nun me ‘mpaccio” e “Ie cu ‘o chiummo e cu ‘o cumpasso”. E i numeri mi confortano su come vadano, benone, Vino al vino e Lemillebolleblog anche se qualche spiritoso m’aveva dato per “fernuto”, ma poi non vado in giro a sbandierarli con tirate e proclami da filosofo del Rione Sanità, perché lo so bene che “Int’ ‘a vocca chiusa nun traseno mosche”. Io che dei miei blog “so’ chillo ca votta ‘o carro p’ ‘a scesa” e sono consapevole che à ”Se ‘a nonna mio teneva ‘o coso ‘a chiammavano ‘o nonno”, ricordo che dedicarsi all’esercizio di chi ostenta di tenere ‘o coso” chiu’ lungo, manco fosse Rocco Siffredi, è nostalgia del celodurismo, tempo perso e non fa fare bella figura, perché lo sanno anche i ciucci che “Chi ha avuto ha avuto e chi ha dato ha dato”.

pulcinella

E anche se ci si definisce, con posa retorica e tanta fantasia, “un sito amatoriale” – “I’ me chiammo cucchie-cucchie: chisti fatti a chi I’accucchie?” – lo sappiamo tutti che “Nun se fa niente pe’ ssenza niente”.

Così potrei raccontare e da parte mia fantasticare – ehi guagliò l’ha ditte guggleanalitix ! – che Vino al vino è chiù letto a Częstochowa, Timbuctu, Canicattì, Boscotrecase e non si sa mai, persino Salerno, che nella mia terra dei polentoni, la Lombardia. Oppure a Stesà… e nella mia Milan
E potrei immaginare cose mirabolanti, che le visite dei pechinesi (gli abitanti di Pechino, non i cani) sono cresciute del 150 per cento, che a Broccolino mi leggono tutti, che Lemillebolleblog è il blog preferito delle Maison de Champagne, che il climax delle visite ai miei blog si raggiunge alle ore 3,18, tra il sabato e la domenica, e che le mie lettrici sono tutte belle come Sharon Stone, Juliette Binoche, Charlize Teron e Martina Colombari.
Binoche
E che i miei lettori hanno un reddito medio di 500 mila euro annui e io faccio una fatica tremenda a resistere alle lusinghe di chi continua a chiedermi di finanziarmi, senza chiedere nulla in cambio, come un mecenate. Ma me ne sto zitto, ricordando la sovrana verità dell’antico dettoMantennimmoce pulite, ieva dicenna puorco cu ‘a capa dint’ ‘o truogolo”, riferito a chi predica bene e razzola male.
Predicabenerazzolamale

I miei lettori, pochi o tanti che possano essere, non trilioni di milioni di miliardi, ma tanti, e ogni anno sempre più numerosi, e questa volta lo attesta davvero Google Analytics non guggleanalitix, sanno bene cosa possono trovare – e cosa non troveranno mai – su Vino al vino e Lemillebolleblog e non hanno bisogno di paroloni, di analisi fiammeggianti, di celebrazioni che ricordano tanto le parate dell’anniversario della Rivoluzione bolscevica nell’Urss di Breznev o Kruscev. E che ostentano un culto dell’Ego che al confronto Mao, Ceausescu e Stalin sono dei dilettanti.
ParataMosca

La saggezza napoletana insegna che che “Doppe ‘e chiacchiere venene ‘e fatte”, che “Chi ‘a fà s’à scorda, chi ll’ave s”arricorda” e che “Pè canoscere ‘o munno ce vò tiempo assai”. Tempo al tempo, senza nessuna tentazione di ergermi a marchese del Grillo campano e magari sparare uno stentoreo perché io sono io e voi non siete un c…o.
EduardoDeF

A me piace ricordare un’osservazione acuta del grande Eduardo De Filippo, secondo il quale “Napule è ‘nu paese curioso: è ‘nu teatro antico, sempre apierto. Ce nasce gente ca’ senza cuncierto  scenne p’ ‘e strate e sape recità”. Ma il ruolo da primo della classe, da er mejo, mi sembra proprio tagliato male addosso ad alcuni…
Napolimilleculure

Come diciamo in Lombardia, chi “si loda s’imbroda”, e un pizzico d’umiltà non fa mai male e ancora a Napule dicono bene che “‘A verità è figlia d’ ‘o tiempo”… Perché, canta Pino Daniele, “Napule è mille culure, napule è mille paure, napule è ‘a voce d’e criature che salie chianu chianu e te saje ca nun si sulo…” ed è questa la Napoli, la vera Napoli, quella dell’appassionante e tenero Passione di John Turturro, che mi piace e mi fa cantare, con il mio balbettante accento meneghino, “quanno sponta’ luna Luntano ‘e napule nun se può stà!

_____________________________________________________________________

Attenzione!: non dimenticate di leggere anche Lemillebolleblog
http://www.lemillebolleblog.it/  e il Cucchiaio d’argento!

23 pensieri su “Gugglenalitix che grande cosa! Sono più letto a Canicattì e Boscotrecase che a Stesà

  1. Dopo quanto ha scritto,una domanda se la deve aspettare e deve anche rispondere sinceramente se ha, come credo, rispetto per i suoi lettori :perché questa filippica a Pignataro? Grazie per la sicura e sincera risposta. Complimenti per le mille bolle Blog.

        • Ma dai, é solo una canzonetta di 105 anni fa!
          http://www.futurismo.altervista.org/testi/divertire.htm

          Tri tri tri,
          fru fru fru,
          ihu ihu ihu,
          uhi uhi uhi!

          Il poeta si diverte,
          pazzamente,
          smisuratamente!
          Non lo state a insolentire,
          lasciatelo divertire
          poveretto,
          queste piccole corbellerie
          sono il suo diletto.

          Cucù rurù,
          rurù cucù,
          cuccuccurucù!

          Cosa sono queste indecenze?
          Queste strofe bisbetiche?
          Licenze, licenze,
          licenze poetiche!
          Sono la mia passione.

          Farafarafarafa,
          tarataratarata,
          paraparaparapa,
          laralaralarala!

          Sapete cosa sono?
          Sono robe avanzate,
          non sono grullerie,
          sono la spazzatura
          delle altre poesie

          Bubububu,
          fufufufu.
          Friu!
          Friu!

          Ma se d’un qualunque nesso
          son prive,
          perché le scrive
          quel fesso?

          bilobilobilobilobilo
          blum!
          Filofilofilofilofilo
          flum!
          Bilolù. Filolù.
          U.

          Non è vero che non voglion dire,
          voglion dire qualcosa.
          Voglion dire…
          come quando uno
          si mette a cantare
          senza saper le parole.
          Una cosa molto volgare.
          Ebbene, così mi piace di fare.

          Aaaaa!
          Eeeee!
          Iiiii!
          Ooooo!
          Uuuuu!
          A! E! I! O! U!

          Ma giovanotto,
          ditemi un poco una cosa,
          non è la vostra una posa,
          di voler con così poco
          tenere alimentato
          un sì gran foco?

          Huisc…Huiusc…
          Sciu sciu sciu,
          koku koku koku.

          Ma come si deve fare a capire?
          Avete delle belle pretese,
          sembra ormai che scriviate in giapponese.

          Abì, alì, alarì.
          Riririri!
          Ri.

          Lasciate pure che si sbizzarrisca,
          anzi è bene che non la finisca.
          Il divertimento gli costerà caro,
          gli daranno del somaro.

          Labala
          falala
          falala
          eppoi lala.
          Lalala lalala.

          Certo è un azzardo un po’ forte,
          scrivere delle cose così,
          che ci son professori oggidì
          a tutte le porte.

          Ahahahahahahah!
          Ahahahahahahah!
          Ahahahahahahah!

          Infine io ò pienamente ragione,
          i tempi sono molto cambiati,
          gli uomini non dimandano
          più nulla dai poeti,
          e lasciatemi divertire!

    • e secondo lei guagliò, dopo aver letto una cosa del genere…
      http://www.lucianopignataro.it/a/lanno-magico-di-questo-sito-43-milioni-di-visite-da-tutti-i-paesi-del-mondo-87-milioni-di-pagine-lette-35-milano-92/82098/
      mi scusi, sto ancora ridendo mo’… io non dovevo rispondere in stile palazzeschiano?
      ma lassatemi pazzià!
      Perché come canta il grande Pino Daniele, Je so pazzo
      http://www.youtube.com/watch?v=Hb7p_2U_xSE
      e se le cose stanno come dice Pino
      http://www.angolotesti.it/P/testi_canzoni_pino-daniele_1450/testo_canzone_je_so_pazzo_36563.html
      e io
      Je so’ pazzo, je so’ pazzo
      allora, per favore,
      nun nce scassate ‘o cazzo!
      E allora via con l’immortale Polonaise n°1 op. 40 di Chopin! http://www.youtube.com/watch?v=24O-f7kv9aw

  2. visto che ha parlato nella mia lingua le dedico un proverbio napoletano:
    ‘A capa ‘e sotta fa perdere ‘a capa ‘e còppa.

    • grazie Donna Marina (ma lei é Quella Marina?) Il proverbio é divertente, ma penso utile pubblicarne la traduzione: Il sesso può far diventare pazzi o scemi. Non capisco il nesso (o forse sì…), ma credo che questa affermazione abbia un suo fondamento

  3. mi tolga una curiosità. E’ evidente la sua antipatia o poca simpatia per il collega napoletano. Come avete fatto a collaborare in occasione di Radici del Sud? Mi sembra impossibile sia accaduto…

    • La risposta é semplicissima: elementare Watson!
      Io collaboravo con Nicola Campanile, ideatore e dominus di Radici del Sud, mica collaboravo con chillo…
      Io a Radici del Sud ho portato Jancis Robinson, Jeremy Parzen, Pierre Casamayor mica la banda delle amiche e suffragette campane…
      Questo per la precisione.
      Ma adesso il vesuviano ha tutto lo spazio che vuole, anche se un uccellino mi dice che troverà pane per i suoi denti se davvero Campanile quest’anno vorrà estendere la collaborazione ad uno che sa come fare… Carriera…
      E mi sa che preso in mezzo tra il Gatto e il Volpone il buon Campanile rischia di soccombere, vaso di vetro in mezzo ai vasi di pietra

  4. Bravo guagliò! Era ora che qualcuno scrivesse per risvegliare le coscienze assopite e ricordare che a Napoli e in Campania c’è un regime di monopolio nell’informazione su cibo e vino dominato da qualcuno potente che si prende troppo sul serio. Forza Ziliani scriva più spesso di queste cose e dei nostri vini campani. Lei li ama e si capisce che ne scrive in maniera disinteressata per puro amore

    • Grazie Gennaro, ma di quel regime sta parlando lei, io, che vivo a Bergamo, di quella situazione non ho conoscenza diretta.
      So solo che é troppo facile fare un sito di successo riempiendolo di ricette, di recensioni di ristoranti, di cose di argomento napoletano e campano. Provasse, Isso, ad occuparsi solo di vino e di vino non solo della sua regione. Poi allora sì che ci sarebbe da ridere…
      Lo sanno anche i gatti che il food tira molto di più del wine su Internet…

  5. pagherei per vedere la faccia che ha fatto, Isso, quando ha letto questo suo strepitoso divertentissimo articolo… Fa bene a far vedere che ‘o monarca non tiene ‘e mutande, che è nudo… –

    • francamente me ne fotto. Per me può averli anche 1000 volte tanto. Quello che mi ha fatto piegare in tre dal ridere é il tono pieno di sé del proclama, pardon dell’articolo, e quello che mi ha indignato (leggermente: conosco il personaggio) sono gli accenni ad altri blog fatti senza le palle di fare il nome dei blog e siti cui il tipo fa riferimento. Poi se alla sua età, un anno meno di me, Isso si diverte in ostentazioni di celodurismo e di “uccellolunghismo” del Web, sono affari suoi.
      E poi l’ho già detto, rispondendo ad un altro lettore stamattina. Io so’ muorto, so “fenuto”, e non mi si deve prendere sul serio, perché si tratta di puro divertissement palazzeschiano: e lasciatemi divertire!

  6. La cosa oltremodo ridicola è che si continua a definirlo wineblog. Alle ore 12.50 del 6 gennaio, ovvero nel momento incuiscrivo, sui circa 40 post di primo piano in homepage quelli dedicati al vino sono 5 o 6 (cioè sotto il 15%), due o tre dei quali fanno riferimento a classifiche di vini campani pubblicati, sempre dall’autore, sul quotidiano cittadino più importante. Ai lettori la capacità di interpretare non manca.Viva l’Italia!!

    • sottoscrivo quello che lei dice. Wine blog chillo? Ma nun pazziamme…
      Gioca facile, Isso, riempiendolo di ricette e di recensioni di ristoranti – il food si sa bene che tira più del vino e persino un sito dedicato al vino come Doctor Wine, del mio ex nemico Daniele Cernilli, ha pensato bene di pubblicare una ricetta del sabato, non é un caso..
      Invito poi, e non voglio commentare, a leggere il testo, e ad analizzare il tipo di linguaggio utilizzato, il tono, dedicato su quel sito (ma che blog!) alla morte di Pino Daniele: http://www.lucianopignataro.it/a/pino-daniele-morto/82226/
      Parole talmente di circostanza da risultare gelide. Ma se uno l’umanità non la tiene e se non piange e si commuove, come ho fatto io, polentone milanese-bergamasco, in queste occasioni, allora forse vuol dire che ha il cuore arido… Solo impressioni le mie, naturalmente…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *